Il TSO ossia il trattamento sanitario obbligatorio. Cos’è e quando viene disposto

  Sono molti gli avvenimenti di cronaca che mettono spesso in risalto il tema del Trattamento Sanitario Obbligatorio, anche conosciuto come T.S.O. Cos’è, di cosa si tratta, quando viene disposto e come richiederlo, non tutti ne sono perfettamente a conoscenza.

 

   Il Trattamento Sanitario Obbligatorio è una procedura sanitaria coatta applicata, in caso di motivata necessità ed urgenza clinica, ad un soggetto con  grave patologia psichiatrica non altrimenti gestibile che rifiuta il trattamento.

In realtà anche se la sua applicazione è soprattutto nell’ambito della salute mentale, il T.S.O. riguarda potenzialmente tutti i tipi di trattamento sanitario.

 

Istituito dalla legge Basaglia nel 1978, in Italia è attualmente regolamentato dalla normativa 833/1978.

A livello internazionale, è la Risoluzione dell’ONU n° 46/119 del 1991 a trattare il ricovero coatto.

 

Secondo la legge italiana il T.S.O. è disposto dal sindaco, massima autorità sanitaria locale, del comune dove risiede o si trova in quel momento il soggetto su proposta motivata di due medici, di solito almeno uno psichiatra, anche se non necessariamente per legge,  uno dei quali, comunque, appartenente alla A.S.L. di competenza territoriale.

Il provvedimento del sindaco deve, poi, essere convalidato entro 48 ore dal giudice tutelare; in mancanza di tale convalida il trattamento sanitario obbligatorio predisposto decade automaticamente.

 

Nella maggior parte dei casi, la segnalazione a procedere avviene da parte dei familiari che chiamano il 118, i vigili o i carabinieri o si rivolgono allo psichiatra che ha in cura la persona.

Spesso si tratta di situazioni in cui l’individuo diventa pericoloso per sé e per gli altri attraverso comportamenti violenti ed aggressivi che possono recare danni a cose e persone oppure quando il soggetto minaccia e/o tenta il suicidio.

 

Condizioni necessarie per avviare il trattamento sanitario obbligatorio sono, in ogni modo, come già detto sopra, la gravità e l’urgenza della patologia psichiatrica in un soggetto che rifiuta la cura, di solito perché sprovvisto al momento della necessaria consapevolezza del suo stato.

Il fine è la tutela della sicurezza e/o salute della persona stessa e della società.

 

Il T.S.O. può essere eseguito in ambito ospedaliero con il ricovero coatto presso i servizi di diagnosi e cura (SPDE), nella propria abitazione o in altra sede.

La prima soluzione è, però, quella generalmente più adottata.

Può durare un tempo massimo di 7 gg., rinnovabile, quando se ne avvisi la necessità, su richiesta dello psichiatra.

Unica possibilità da parte del soggetto di ritrarsi è l’accettazione volontaria della terapia.

All’individuo in condizione di T.S.O. vengono, comunque, riconosciuti e rispettati alcuni diritti:

– la possibilità di far ricorso, in prima persona o attraverso i familiari, al sindaco;

– quella di poter scegliere il medico e il luogo di cura;

– di essere informato sulle terapie a cui è sottoposto e di optare tra le diverse alternative proposte;

– di vedere rispettata la sua dignità (è esclusa qualsiasi forma di violenza) e la sua libertà personale (ha la possibilità di comunicare con chi vuole attraverso telefonate, visite, ecc.).

 

Infine, ribadisco ancora una volta che il Trattamento Sanitario Obbligatorio, per il carattere coatto che lo caratterizza, è e deve essere, comunque, l’ultima ratio nei casi in cui nessun’altra alternativa è possibile per la salvaguardia dell’incolumità fisica e psichica pubblica e del paziente.

Dott.ssa Cinzia Cefalo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close